Tel.: +39 0744.409703

I migliori lampadari in vetro di Murano

I migliori lampadari in vetro di Murano

I migliori lampadari in vetro di Murano

I lampadari in vetro di Murano o gli appliques vetro murano sono il frutto di lavorazioni meticolose e accurate: nelle fornaci si tramandano tradizioni che vengono trasmesse di generazione in generazione, e che riportano tutti i segreti da mettere in pratica per ottenere dei prodotti che sono vere e proprie opere d’arte. Le sapienti mani di artigiani creativi e appassionati lavorano un materiale morbido che può essere modellato secondo le forme volute prima che, raffreddandosi, esso diventi duro.

La lavorazione a lume è una delle più antiche per ciò che concerne i lampadari in vetro di Murano. Il mastro vetraio fonde tipi di vetro differenti con l’aiuto di una fiamma a gas che è in grado di raggiungere temperature decisamente elevate: i vetri vengono mescolati tra loro insieme con foglie argentate o dorate. Questa tecnica richiede pazienza e fatica: come ogni arte, anche quella relativa al vetro è un mix di attenzione e ricerca. E ciò vale non solo per i lampadari, ma anche per la realizzazione di collane, di lampade e di gioielli di vario genere.

Una alternativa piuttosto nota è rappresentata dalla lavorazione del vetro soffiato: il vetro in questo caso viene modellato a caldo, prima che le filigrane permettano di dare vita al classico effetto merletto. Una tecnica relativamente recente è, invece, quella della lavorazione a piastra, così denominata perché prevede di appoggiare sopra un ripiano una lastra di vetro su cui vengono sparsi vetri di Murrina, foglie d’oro a 24 carati e foglie d’argento. A questi materiali sfusi si aggiungono vetri colorati: il risultato finale è una composizione che prevede un gran numero di ore di lavoro. Dopodiché la lastra così decorata viene coperta da un’altra lastra di vetro di un colore differente: il tutto è posto in forno a cuocere per una intera notte. Così le lastre possono essere tagliate per realizzare lampadari, piatti, cornici, eccetera.